Il ponte della linea ferroviaria Tav inaugurato nel 2006
Il ponte della linea ferroviaria Tav inaugurato nel 2006

San Rocco al Porto (Lodi), 27 ottobre 2020 - Si erano avventurati sul ponte della Tav (la linea ferroviaria ad alta velocità) a San Rocco al Porto per farsi selfie e scattare qualche fotografia, ma la circostanza è stata in qualche modo fermata dall’intervento dei carabinieri che, domenica pomeriggio, sono intervenuti per capire cosa stesse succedendo dopo che un tizio a spasso per la campagna circostante aveva notato le sagome di queste due persone in un punto periferico e sicuramente non propriamente sicuro per la loro incolumità.

I due adolescenti sono stati identificati ed invitati ad allontanarsi. Il week-end da “brivido“ era iniziato con la segnalazione di alcune vetture, tre in totale, che avevano scambiato i rettilinei del complesso industriale, in buona parte dismesso, dell’ex Gulf a Bertonico, come pista da corsa. Infatti, sembrava proprio che le macchine sfrecciassero a gran velocità quasi come se fossero impegnati in una gara. I carabinieri, anche in questo caso, sono intervenuti per accertare l’episodio.
Sempre nel pomeriggio di domenica, piccolo incendio, sicuramente di natura dolosa, lungo la provinciale 142 tra Casale e Somaglia, nel punto in cui, purtroppo ormai da tempo, incivili abbandonano rifiuti, soprattutto domestici.

Qualche sacchetto dell’immondizia è andato a fuoco, acceso probabilmente da chi era stufo di verificare ogni giorno questo scempio ambientale. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Casale per spegnere il rogo. Infine, domenica sera attorno alle 23.30, un’Audi Rs3 ha letteralmente “sorvolato“ la nuova rotonda d’ingresso al casello dell’A1, lungo la provinciale 234 a Ospedaletto Lodigiano: probabilmente, secondo le forze dell’ordine giunte sul posto, la macchina viaggiava ad elevata velocità e, dopo aver colpito il cordolo del rondò, l’Audi con targa straniera è in pratica “decollata“, finendo poi contro il guard rail (è stata divelta una trentina di metri di manufatto metallico) e quindi nel campo attiguo.

L’occupante, un 31enne piacentino, è uscito dall’abitacolo e si è allontanato anche se successivamente si è presentato sul luogo dell’incidente: si era procurato fortunatamente solo qualche contusione.