LODI "Perché il teatro alle Vigne non ha mai riaperto dall’inizio dell’emergenza?". È la domanda che i consiglieri comunali Francesco Milanesi (Lodi civica) e Simonetta Pozzoli (Pd) rivolgono all’Amministrazione in un’interrogazione a risposta scritta. Il teatro comunale di via Cavour è chiuso dal 24 febbraio, ufficialmente per la...

LODI

"Perché il teatro alle Vigne non ha mai riaperto dall’inizio dell’emergenza?". È la domanda che i consiglieri comunali Francesco Milanesi (Lodi civica) e Simonetta Pozzoli (Pd) rivolgono all’Amministrazione in un’interrogazione a risposta scritta.

Il teatro comunale di via Cavour è chiuso dal 24 febbraio, ufficialmente per la pandemia. A oggi però non sarebbero ancora conclusi i lavori di messa in sicurezza e a norma partiti diversi mesi prima dell’emergenza sanitaria. "Né la Giunta né la società Giona né il direttore del teatro hanno fatto comunicazioni sullo stato dei lavori – spiega il consigliere dem Simonetta Pozzoli – Il vicesindaco Lorenzo Maggi ci aveva intrattenuto per mezz’ora in Consiglio quest’estate illustrando le magnifiche sorti progressive del teatro, ma guardandosi bene dal dire che a settembre non sarebbe stato riaperto per via dei lavori di messa a norma, che peraltro erano iniziati nel 2014, con uno stanziamento di 291mila euro, e ora a che punto siamo? Dalla fine del lockdown a oggi non è stata data notizia di alcun lavoro".

Nel mirino dell’opposizione è finito il vicesindaco e assessore alla Cultura Lorenzo Maggi, "colpevole" secondo i consiglieri Milanesi e Pozzoli di "aver fatto troppo poco per rianimare il centro culturale della città".

"Chiediamo verità per il teatro alle Vigne – esorta il consigliere di Lodi civica, Francesco Milanesi (nella foto) – Vogliamo vederci chiaro, perciò abbiamo presentato un’interrogazione a risposta scritta per comprendere questa situazione e sollecitare l’Amministrazione a far tornare agibile il teatro sfruttando il periodo di fermo. L’elettrocardiogramma culturale di Lodi è quasi piatto, occorre una bella scossa".

Carlo D’Elia